Abbinamento risotto vino

  torna alle news

Abbinamento risotto vino

 
  
11 April 2016

Un detto popolare ci ricorda che il riso nasce nell’acqua e muore nel vino, sottolineando quanto sia importante, per fare una cena o un pranzo speciali, scegliere il giusto abbinamento risotto vino, rosso bianco o rosato.

Per capire quale calice sia più adatto alla ricetta di risotto che abbiano deciso di preparare, o che abbiamo ordinato al ristorante, dobbiamo conoscere le caratteristiche degli ingredienti.

A volte è lo stesso vino ad essere l’ingrediente del risotto, come nel caso della ricetta con l’Amarone.

Prima di procedere con alcune proposte di abbinamenti fatte da esperti, va ricordato che spesso le stesse uve, coltivate in territori differenti, danno vita a vini molto diversi. Quindi una regola perfetta per l’abbinamento risotto vino non esiste. Ma ciò non toglie che si possano elencare gli aspetti da tenere bene in mente per fare un abbinamento giusto.

Ecco allora, in linea generale, un piccolo vademecum per abbinare vini e risotti, realizzato grazie agli amici Mauro Longo e Paolo Forgia: sommelier e chef di esperienza.

Alcuni tipi di abbinamento risotto vino

  • Il vino da abbinare con risotto con carne di maiale, tipo all’isolana o col tastasal, deve esprimere acidità, sapidità e tannicità come nel caso del barbera, corvina, lambrusco e raboso sia in versione ferma che in versione spumante.
  • Il vino da abbinare con risotto ai frutti di mare e di pesce deve esprimere sapidità e dolcezza, come nel caso della garganega, glera, chardonnay in versione ferma e spumante.
  • Il vino da abbinare con un risotto alla zucca, radicchio o altre verdure può essere un merlot, il cui gusto rispecchia morbidezza e una persistenza aromatica lunga e piacevole
  • Il vino da abbinare con un risotto con formaggio (come il Monteveronese o l’Asiago) e verdure potrebbe essere quello ottenuto dalla corvina oppure dalla turbiana, che hanno caratteristiche di freschezza, alcolicità e morbidezza.


riso vino abbinamentoLa mantecatura nell'abbinamento risotto vino



Un’altra osservazione da fare quando si parla di abbinamento risotto vino, riguarda la mantecatura e la parte grassa data da burro e formaggio che incide moltissimo sulle sensazioni al palato. Unendo questo aspetto alla naturale dolcezza del riso, il nostro sommelier Mauro Longo ricorda che l’abbinamento nella maggior parte dei casi può essere fatto con vini giovani e lavorati in botti di acciaio. Alcuni vini sposano bene il risotto pilaf, come per esempio il lambrusco spumante, ma pure tutti quei vini versatili che hanno tra le proprie caratteristiche una buona freschezza, morbidezza e tannicità (come ad esempio garganega, turbiana, corvina).


L’ultimo aspetto da tenere in considerazione per un buon abbinamento risotto vino è quello della qualità: meglio un solo piatto di ottimo risotto e un solo bicchiere di buon vino, che una pirofila di risotto scadente e una caraffa di vino pessimo. E ricordiamoci sempre di bere con moderazione.