Risotto verze e salsiccia

  torna alle news

Risotto verze e salsiccia

 
  
14 January 2019

Il risotto con verze e salsiccia è un piatto che valorizza alcuni degli ingredienti più tradizionali dell’inverno e molto utilizzati nella cucina popolare contadina. Inoltre questo risotto è arricchito con un formaggio particolare, la Tosella, tipica delle montagne vicentine e del bellunese, dove prende il nome di Schiz. Questo formaggio, molto dolce e bianchissimo, è ottimo servito cotto.

Tempo di preparazione: 60 minuti
Difficoltà: nessuna

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 grammi di riso Nano Vialone Veronese Igp
  • 60 grammi di burro
  • 70 grammi di cipolla
  • 300 grammi di salsiccia (o tastasal)
  • 200 grammi di formaggio Tosella o Schiz
  • 80 grammi di verza
  • 40 grammi di grana padano dop
  • 1 bicchiere scarso di vino bianco secco
  • 150 grammi di panna
  • Brodo vegetale
  • Sale e latte quanto basta

Preparazione delle verze

  1. Sbollentare la verza per pochi minuti in acqua leggermente salata e raffreddarla in acqua ghiacciata.
  2. Successivamente tagliarla a piccole striscioline.

 

Preparazione del formaggio Tosella o dello Schiz

  1. Su una padella rosolare le fette di formaggio Tosella o Schiz con un po' di burro.
  2. Tagliarle successivamente a cubetti, metterli sul fuoco con l'aggiunta della panna e un po’ di latte.
  3. Cuocere fino a che panna e latte non si riducono.
  4.  

Preparazione del risotto

  1. Mettere in una casseruola con il burro la cipolla finemente tritata e far soffriggere a fuoco lento.
  2. Aggiungere la salsiccia sbriciolata (o il tastasal), continuare la cottura per tre/quattro minuti.
  3. Unire quindi il riso, farlo tostare alcuni minuti e sfumarlo con il vino bianco, lasciare evaporare a fiamma vivace, proseguire la cottura aggiungendo di volta in volta il brodo caldo.
  4. A cottura ultimata mantecare con il burro rimasto, grana padano, verze e la Tosella o lo Schiz.


Suggerimenti

Le verze migliori sono spesso quelle pesanti e con le foglie ben chiuse. Non va cotta a lungo in modo che preservi le sue grandi qualità nutrizionali. Contiene, ad esempio, vitamina E e fosforo.